Sei in: home page >> news >> BICENTENARIO DELLA CONGREGAZIONE DEGLI OBLATI DI MARIA VERGINE

BICENTENARIO DELLA CONGREGAZIONE DEGLI OBLATI DI MARIA VERGINE

14/11/2016 - BICENTENARIO DELLA CONGREGAZIONE DEGLI OBLATI DI MARIA VERGINE

13 novembre 1816: una data importantissima nella storia della Congregazione degli Oblati di Maria Vergine.
In quel giorno essa veniva approvata e istituita a Carignano, nel Santuario della Madonna delle Grazie, col Decreto firmato dal Vicario Capitolare di Torino Mons. Emanuele Gonetti, che durante la Sede Vacante del 1814-18 fu l’Amministratore dell’Archidiocesi.

Tappa importante, ma anche l’occasione per ringraziare il Signore dei benefici concessi alla Congregazione per il servizio al Popolo di Dio sparso nei vari continenti. Lo abbiamo fatto in questi tre giorni, dal 10 al 13, riunendoci a Carignano e a Pinerolo, dove sono conservate le spoglie del Venerabile Fondatore Padre Pio Bruno Lanteri. Assieme al nostro Rettor Maggiore, P. David Nicgorski, ha partecipato alle iniziative del bicentenario un gruppo di 60 persone, laici, suore Oblate e Oblati provenienti da varie comunità dell’Italia, dell’Austria, Francia, Stati Uniti, Argentina e Nigeria. Molto bella e apprezzata la partecipazione di giovani dell’Università di Tor Vergata, e una nota di speranza è stata la presenza dei postulanti e dei novizi della Provincia italiana del nostro Istituto.
Segnalo le tappe più importanti della commemorazione.

Innanzi tutto la presentazione del film-documentario sulla vita del P. Lanteri NUNC COEPI realizzato dal nostro confratello P. John Wykes, presentato sia a Pinerolo, con la presenza del Vescovo Mons. Pier Giorgio Debernardi, che a Carignano, nel teatro gentilmente messo a disposizione dall’Amministrazione Comunale. Il film è stato molto apprezzato ed applaudito dalla gente, facendo capire quanto la vita, le opere e gli esempi di P. Lanteri trovino una collocazione positiva negli ideali e nelle sfide dei nostri giorni. Grazie P. John per il tuo generoso impegno!

L’altra iniziativa è stata la preparazione di 25 pannelli che percorrono la Storia della Congregazione dalle prime “intuizioni” carismatiche di Carignano sino ai nostri giorni. Per corredare i pannelli, che rimarranno a Carignano, è stato pubblicato un opuscolo che ne completa sinteticamente lo sviluppo storico.

Un’autentica sorpresa è stato il bel regalo della Professoressa Maria Grazia Marciani che a complemento della sua relazione sulla salute fisica del Fondatore ha preparato un prezioso opuscolo intitolato L’esperienza cristiana della sofferenza nella vita di Pio Bruno Lanteri.
A nome di tutti gli Oblati la vogliamo ringraziare per averci fatto scoprire questo aspetto della vita del Nostro Fondatore, di quanto la malattia “presente sin dalla sua giovinezza, non è stato un evento che ha scombinato la sua vita, ma è stata parte quasi naturale della sua esistenza, e sembra essere stata uno strumento attraverso il quale il Signore lo ha guidato provvidenzialmente nelle sue scelte” (p. 43).

Il giorno 11 tutto il gruppo ha visitato i luoghi più significativi dell’attività pastorale della Congregazione a Torino: il Santuario della Consolata, dove gli Oblati vi hanno lavorato per 25 anni e dove sono ancora conservate le spoglie dei nostri primi confratelli e la chiesa di San Francesco, dove il nostro Venerabile Fondatore per tanti anni si è dedicato al ministero del confessionale. Il gruppo ha fatto poi sosta nella nostra Parrocchia di N.S. della Pace, dove è stata celebrata l’eucarestia.

Molto partecipate sono state anche le celebrazioni eucaristiche del 12 e del 13, a Carignano. La prima nel Santuario della Madonna delle Grazie, presieduta dal Vescovo carignanese Mons. Pier Giorgio Micchiardi, che ha ricordato gli Oblati conosciuti nel periodo della sua giovinezza, e la seconda, sempre a Carignano, nella Parrocchia dei Santi Giovanni e Remigio, che ha concluso i giorni della commemorazione. Per queste celebrazioni di Carignano dobbiamo ringraziare i cori delle due chiese, per la scelta dei canti e per aver saputo coinvolgere, come sempre, tutta l’assemblea. Un ringraziamento speciale a Don Mario Fassino, per il suo appoggio e per la partecipazione di tutta la comunità parrocchiale alla nostra gioia.

Molto ricche e coinvolgenti sono state le relazioni dei confratelli Oblati che hanno fatto memoria di quei giorni e di quei tempi, con una dinamica che ha contemplato sempre la lettura degli avvenimenti applicandoli alla realtà dei nostri giorni, trasportando così all’oggi lo zelo dei primi Oblati e il loro amore per la chiesa.
Con questo spirito, sono stati molto partecipati gli interventi di P. Timothy Gallagher, di P. Jim Gerlett, di P. Andrea Brustolon e di P. Patrice Veraquin.
Possiamo dire che P. Lanteri, P. Reynaudi, Don Biancotti e Don Golzio ci sono stati sempre vicini e, assieme a loro, tutti i nostri confratelli Oblati che in questi duecento anni di vita della Congregazione ne hanno percorso il cammino, spesso difficile e anche sofferto, ma sempre fiducioso nell’aiuto del Padre e consapevoli che la vera Fondatrice della Congregazione è Maria Santissima.

Vogliamo terminare con un ringraziamento tutto speciale a tutte quelle persone che, sia a Carignano che a Pinerolo, hanno reso possibile il nostro soggiorno, soprattutto ai due gruppi di valontarie/i che hanno preparato i pasti, facendoci gustare le specialità del luogo. Che il Signore benedica le vostre famiglie!

Torna in cima | Torna indietro